martedì 3 maggio 2011

Raptus


Forse ispirata dalla primavera e dalle classiche pulizie, o dagli spunti di minimo, comunque in questi giorni in casa c'è aria di decluttering, di ramazzamento porcherie, di eliminazione-fisica-di-dinosauri-negli-armadi.
E' una di quelle cose che ho sempre fatto con estremo piacere, anche in tempi non sospetti.
Per fortuna, non mi affeziono tantissimo alle cose, o meglio, non proprio a tutte. Quindi, almeno una volta all'anno, l'armadio è vittima di una discreta dieta dimagrante, e soprattutto il cassetto delle magliette estive ,che con scarpe e borse sono un po' la mia malattia.


Ogni anno butto, regalo,- e adesso scambio anche - una discreta quantità di tee shirts che di solito sono acquisti compulsivi, per niente necessari, dettati soltanto dall'immancabile “uh che carina” della stagione in corso.
Sabato scorso, però, è toccato al cassetto delle foto/auguri/inviti e altre cartacce varie che non toccavo da tantissimo tempo.
E'stato un momento di una difficoltà incredibile. A me piace scrivere e piace ricevere scritti, quindi ho conservato i diari delle superiori, gli auguri di decine di Natali, compleanni,anniversari; cartoline, pizzini e messaggi intimidatori almeno dal 1980. Figuratevi la massa di roba -trasportata in giro durante tre, no quattro traslochi.
Ci ho messo tantissimo: ho riletto tutto, riso,pianto, ricordato momenti e persone ormai sepolti dalla polvere.
Poi, prendendo il coraggio a mille mani, ho iniziato una prima cernita, seguita da una seconda e una terza; non vi nascondo che decidere di buttare tanti (ma assolutamente non tutti) biglietti affettuosi da parte di mia mamma è stata dura, così come certe cartoline da compagne di scuola che non ricordavo, o le più assurde tra le mie deliranti e verbosissime lettere al fidanzato storico - che magari neanche gli davo, oppure lui rispediva al mittente.
Alla fine,dopo molte ore e alcuni tentennamenti, è rimasto solo un mucchietto di carta, una discreta psicoterapia e le mani molto sporche.
I cassetti deputati hanno respirato, io mi sono sentita molto strana ma infinitamente più leggera, e ciò che ho conservato risulta adesso ancora più prezioso: ho tenuto tutto ciò che rappresenta un momento di vita, un'epoca o un qualcosa di indissolubilmente legato a me. 
Ho avuto modo di vedere quello che ero, diversa, diversissima, ma assolutamente “io”.
Quello che ho buttato, invece, è ciò che desidero non faccia zavorra,rimpianto, o strascico di un passato che è, per l'appunto, passato.
E' stato un pomeriggio emozionalmente faticoso.
Il prossimo repulisti, promesso, sarà su qualcosa di meno impegnativo.....che so, i barattoli di vetro (ce ne saranno quattrocentosessanta)

5 commenti:

  1. Ho fatto la stessa cosa qualche mese fa, e condivido TUTTO quello che hai scritto. Psicoterapia, mani sporche, e soprattutto la sensazione di essere diversa e allo stesso tempo una versione "aumentata" di me stessa.

    RispondiElimina
  2. sulle lettere della mamma avrei avuto seri problemi al tuo posto, per fortuna la mia non ama scrivere.
    per quanto riguarda quelle all'ex fidanzato storico: ma era ora!!!
    "Quello che ho buttato, invece, è ciò che desidero non faccia zavorra,rimpianto, o strascico di un passato che è, per l'appunto, passato."
    bello, mi piace, bisogna sempre guardare all'ora (anche se è moooolto difficile)

    RispondiElimina
  3. Come hai ragione... riscoprendo e rileggendo cose del passato che ci appartengono ma, vengono archiviate in cassetti o scatole per "secoli", si rivivono le stesse emozioni provate allora e si fatica sempre a separarsi da questi cimeli storici della nostra vita. Come tu stessa hai detto, però, sono spesso zavorre che ci appesantiscono anche lo spirito e, a malincuore o con difficoltà, alla fine è sempre un bene separarsene per far posto al nuovo, al presente e la sensazione di leggerezza che si prova poi, è effettiva... via energia vecchia e pesante... benvenuto presente e spazio al nuovo!

    RispondiElimina
  4. anch'io prima dell'ultimo trasloco ho tentato una ponderata cernita...ma alla seconda pagina di un diario vecchissimo ho capito che non avrei mai saputo fare una valutazione serena di cosa tenere e cosa buttare...coraggio a quattro mani, ogni mattina un diario mi ha aiutata ad accendere il camino...liberatorio !!!

    RispondiElimina
  5. @laura: è stata dura...purtroppo non funziona per liberarsi dai chili di troppo :-)
    @tascabile: le lettere le ho tenute,e anche molti biglietti d'auguri. Ma la mamma è grafomane (ecco da chi ho preso)
    @monica: adesso il difficile sta nel non ri-riempire il cassetto...@lella: ti capisco.io approfitto, appunto, dei raptus.Se non sono presa bene, non riesco a eliminare nulla...

    RispondiElimina