martedì 15 marzo 2011

Le mille bolle blu

Pasticciare in cucina è una delle mie passioni. Adoro stare ai fornelli, accarezzare la farina, sbatacchiare le uova, sperimentare, bollire,
tagliuzzare e spremere.
Mi sento molto Ratatouille mentre zampetta tra una pentola,
una spezia e un cucchiaio e anzi, sto cercando una locandina del film
da incorniciare in cucina e nominare definitivamente il topo mio nume tutelare.
Non sarò bravissima, ma la passione colma le lacune tecniche....:-)

Comunque, è ufficiale: le mie ultime due ricette riuscite non sono esattamente da mangiare, anche se in realtà si potrebbe benissimo farlo.
Sto parlando della polvere dentifricia e del detergente per lavastoviglie.
Determinata nella mia azione di alchimista,sono partita dall'acquisto dell'argilla bianca, ingrediente fondamentale del dentifricio, che dopo affannosissima ricerca si è finalmente materializzata presso un farmacista
– al quale, peraltro, ho dovuto ordinarla.


E' incredibile quanto siano complicate da trovare le cose più semplici: argilla verde, fanghi e fanghetti da tutto il mondo ce l'hanno tutti, ma dell'argilla bianca nessuna traccia (mi è capitato spesso con gli abiti: l'acquisto di una stupida maglia bianca o una banale gonna marrone è stato come partire alla ricerca del Graal).
Una volta recuperata questa, ho scrupolosamente seguito la (semplicissima) ricetta che potete trovare qui ;a parte la mitica argilla, la cosa più importante da avere è un mixer, per potere ridurre in polvere il simpatico e commestibile miscuglio.
Il risultato è fan-ta-sti-co: il sapore è gradevolmente salino, la bocca rimane perfettamente pulita, profumata e disinfettata, con buona pace dei dentifrici industriali e anche,devo dirlo,di quelli bio.

Per non parlare del detersivo per lavastoviglie! Per quest'ultimo, mi riservo di dirvi più avanti più che altro per verificare che non crei ingorghi nel filtro:
però i primi test sono andati benissimo e tutto grazie a

3 limoni,400 ml di acqua, 200g di sale,100ml di aceto bianco

Tagliate i limoni in 4-5 pezzi togliendo solo i semi e mantenendo la buccia (è più facile se tagliate il limone a rondelle e poi a cubetti). Frullarli con un mixer insieme ad un po' di acqua e al sale. Per evitare intasamenti del filtro lavastoviglie, frullate a lungo e molto finemente la poltiglia. Mettete la poltiglia in una pentola, aggiungete tutta l'acqua e l'aceto e fate bollire per circa 10 minuti mescolando, affinché non si attacchi.
Quando si è addensato e raffreddato mettete in vasetti di vetro (io ho usato una bottiglia) 
Se alla lunga funziona, il gesto dell'ombrello alla GDO è richiesto, ai detersivi bio rimandato - mi sembra ingeneroso, visto che questi ultimi, per quello che mi riguarda, hanno fatto la loro parte in maniera del tutto soddisfacente.Prossimo tentativo, detersivo per lavatrice...se durante la lavorazione non esplodo, si capisce.

Nessun commento:

Posta un commento